Le strade di San Nicola

LA FEDERAZIONE

La Federazione

Un gruppo di associazioni e fondazioni cittadine, da sette anni, ha lanciato una sfida senza precedenti: un sogno comune da realizzare tutti insieme al grido di SOLIDARIETA’. E’ nata così la Federazione “Le Strade di San Nicola”. Un ambizioso progetto condiviso che prende corpo nella creazione di un evento ogni anno unico ed irripetibile orientato al raggiungimento di un obiettivo solidale, sempre diverso in ogni edizione. Sino ad oggi, hanno scelto di far parte de “Le Strade di San Nicola” ben diciotto associazioni che lavorano nel sociale. Diciotto realtà che hanno creduto fermamente nel progetto che ha portato in questi anni alla realizzazione di ben 25 progetti realizzati.

Associazioni & Fondazioni

Fino ad oggi, hanno scelto di far parte de “Le Strade di San Nicola”:

Organigramma

Presidente:
Lorenzo Moretti – Ciao Vinny Onlus

Vicepresidente:
Alessio Branchi Ninni – Bari Young Onlus

Tesoriere:
Francesco Partipilo – A.P.S. Marcobaleno

Consiglio Direttivo:
Roberto Mazzarella – Little Smile Onlus

Altri associati:
Associazione Calcio Amici Medici
Associazione Italiana Persone Down Bari
aMichi di Michele Visaggi Onlus
Fondazione Nikolaos
Ordine Forense Bari Onlus
Rotary Club Bari Mediterraneo
Unicef
Vinci con noi
We Are Stronger

Segreteria:
Marco Laudadio

Ufficio stampa:
Pino Ingrosso
Rosanna Volpe
Valter Cirillo
Rosy Coviello

Perchè "Le strade di San Nicola"

La manifestazione prende il nome de “Le strade di San Nicola” poiché si è immaginata una one-night di beneficienza proprio nel cuore della città del Patrono di Bari, tesa a dare risalto alle tante istanze che arrivano appunto dalla strada. E’ possibile fare intrattenimento e spettacolo senza dimenticarsi di chi è lontano dai “riflettori”: da questo semplice assioma ci si è mossi per arrivare ad uno spettacolo senza precedenti che idealmente parte dal capoluogo Pugliese e percorre le vie virtuose dell’Umanità.

I PROTAGONISTI

LO SPETTACOLO

Direttore artistico e autore
Fabiano Marti

Presentano la serata

ALESSANDRA BUCCI

MAURO PULPITO

Musica, divertimento e tanto altro ancora. Uno show con artisti di fama nazionale che si alterneranno sul palco del Teatro Petruzzelli la sera del 9 dicembre. Tutti i protagonisti hanno sposato a pieno lo spirito benefico dell’iniziativa, mettendo a disposizione della causa la loro grande professionalità. Un’iniziativa che, come negli scorsi anni, e grazie al contributo di associazioni e pubblico presente, saprà arrivare al cuore di tutti: di chi sarà protagonista sul palco, di chi sarà in platea ad applaudire ed emozionarsi e, soprattutto, di chi non sarà presente, ma, anche da lontano, potrà sentire quanto è grande il cuore di chi gli vuole bene.

RON

ROCCO PAPALEO

TONY ESPOSITO

ALAN SORRENTI

PEPPE IODICE

CLAUDIO STEA

ORCHESTRA MANCINA

Con il patrocinio del

GOLD
SILVER
SUPPORTER
AMICI MEDIA

Finalità

“Le Strade di San Nicola” è un progetto benefico che, non a caso, si ispira al Santo di Myra, protagonista di numerose leggende riguardanti miracoli a favore di poveri e defraudati. Un progetto da sempre orientato all’altruismo e alla beneficienza. Un evento unico che resti sempre nella memoria di chi vi assiste e, soprattutto, di chi, grazie ad esso, potrà sentir nascere un nuovo sorriso. Perché lo spettacolo non si limita ad intrattenere il pubblico presente, ma va ben oltre i confini delimitati dalle mura del teatro che lo ospita.
Il ricavato ogni anno viene interamente devoluto ai progetti benefici che sono stati individuati attraverso le associazioni confederate. Perché “Le strade di San Nicola”, in un modo o nell’altro, porta sempre ai cuori dei più bisognosi.

La serata e gli artisti

Musica, divertimento e tanto altro ancora. Uno show con artisti di fama nazionale che si alterneranno sul palco del Teatro Petruzzelli la sera del 9 dicembre. Tutti i protagonisti hanno sposato a pieno lo spirito benefico dell’iniziativa, mettendo a disposizione della causa la loro grande professionalità. Un’iniziativa che, come negli scorsi anni, e grazie al contributo di associazioni e pubblico presente, saprà arrivare al cuore di tutti: di chi sarà protagonista sul palco, di chi sarà in platea ad applaudire ed emozionarsi e, soprattutto, di chi non sarà presente, ma, anche da lontano, potrà sentire quanto è grande il cuore di chi gli vuole bene.

Premio "Le strade di San Nicola"

Nel corso di ogni edizione vengono celebrate due eccellenze nazionali. Il punto più alto dello show è infatti costituito dall’assegnazione del Premio “Le Strade di San Nicola” che viene conferito ad una personalità che si è distinta per generosità e sostegno ad iniziative solidali. Verrà inoltre consegnato ad un grande-giovane artista del nostro territorio il premio “Le Strade di San Nicola ART”.

LA BIGLIETTERIA

Platea 1° settore
60 €
Platea 2° settore
50 €
Palchi 1° e 2° ord. Centrale
50 €
Palchi 1° e 2° ord. VIS. LIMIT.
40 €
Gradinate di 3° ord. (file B e C)
35 €
Gradinata di 3° ord. VIS. LIMIT. (fila A)
30 €
Palchi 3° e 4° ord. VIS. LIMIT.
30 €
Gradinate di 4° ord. VIS. LIMIT.
30 €
Gradinate di 5° ord. Centrale
30 €
Gradinate di 5° VIS. LIMIT.
20 €
Loggione
20 €

BOTTEGHINO
La Biglietteria (caffetteria • ristorante • cocktail bar)
Largo Adua, 3 Bari
Tutti i giorni a partire dalle 17:30

BOOKING ONLINE
Acquista su Vivaticket cliccando qui

vivaticket

INFOTICKET
+39 340 4873006
+39 335 8076626

PROGETTI 2019/2020

La federazione “Le Strade di San Nicola” si ripropone, anche quest’anno, di raggiungere 3/4 obiettivi solidali. Un ponte che parta dal cuore di chi ha scelto di dedicare un po’ del suo tempo a chi ne ha bisogno e si unisca idealmente ad essi in un unico caloroso abbraccio. Una serata che non finisce con la chiusura del sipario, ma che quel sipario lo lasci aperto per tutto l’anno su uno spettacolo di vita che abbia come filo conduttore la solidarietà e l’amore nei confronti di chi da quella vita ha avuto, sino ad ora, troppo poco.

IL TEATRINO DELL’AUTOMOBILE

Il progetto “Il Teatrino Dell’Automobile” è un progetto innovativo, pilota e sperimentale per la promozione della sicurezza stradale. Ha come destinatari i genitori dei bambini a partire dai 3 anni ai 6 anni ed è finalizzato a promuovere in loro l’abitudine ad allacciare le cinture di sicurezza ai bambini (uso del seggiolino). Le metodologie di matrice psicologica interazionista sono sviluppate per intervenire direttamente sui pattern d’azione, per facilitare la modificazione delle abitudini di un gruppo o di una comunità, per facilitare il
cambiamento culturale. Il progetto si pone l’obiettivo di favorire la maggior aderenza possibile alla normativa sulla sicurezza dei bambini in viaggio in automobile. Partendo da questo principio pilota tale metodologia potrà applicarsi ad altri ambiti, altre età, in un’ottica di intervento pluriennale, volto a cambiare determinate cattive abitudini.

DIRITTI IN GIOCO

L’UNICEF da sempre si impegna a promuovere una vita sana – fondata sulla salute fisica, mentale e psicologica – dei bambini e degli adolescenti, grazie a sport, svago e attività ricreative. Lo sport può anche favorire l’integrazione sociale di minori vulnerabili, in particolare dei bambini e ragazzi accolti nelle Comunità Educative. L’idea quindi è quella di contribuire alle spese per le attività sportive scelte dai bambini e dalle bambine ospiti di Casa Jacopa (comunità per minori – Bitonto) a seconda delle loro attitudini e dei loro desiderata. Al contempo si intende acquistare palloni da football e biscotti energetici da destinare alle bambine e ai bambini che vivono nei paesi dove sono attivi i nostri programmi.

SERVICE SALUTE E SICUREZZA

Il Club Rotary Bari Mediterraneo alla luce dell’incremento esponenziale dell’attività pneumologica presso la popolazione carceraria, ha deciso di donare all’Ambulatorio interno -S.A.I. Servizio di Assistenza Intensiva ed Integrata idonee e specialistiche attrezzature sanitarie al fine di contribuire a garantire una corretta presa in carico dei pazienti detenuti e/o trasferiti allo scopo presso la Casa Circondariale di Bari. Con questo ulteriore apporto del “privato” nel “pubblico” ci si prefigge di aumentare l’efficienza e l’autonomia dell’Assistenza Sanitaria Penitenziaria riducendo le già affollate liste di attesa del S.S.N., ma anche e soprattutto di perseguire l’importante scopo sociale di un notevole risparmio della spesa erariale legata all’affiancamento al paziente/detenuto di scorte armate di Polizia Penitenziaria, liberando le stesse per compiti istituzionali più specifici.

REPARTO GIOCHI

Grazie alla ormai consolidata collaborazione della nostra Federazione e lo stabilimento Bosch di Bari, quest’anno, in occasione delle festività natalizie, saremo in grado di donare all’ Associazione Abfo (Associazione benefica Fulvio Occhinegro) di Taranto circa 100 giocattoli di vario genere affinché i minori coinvolti possano ricevere le attenzioni e il sorriso di cui necessitano. Attraverso questa iniziativa ci poniamo l’obiettivo di regalare un momento ludico e di svago durante la loro degenza e nel contempo consolidare la “rete” di collaborazioni tra realtà locali attraverso iniziative di solidarietà. Ringraziamo per questo l’assessorato al welfare di Taranto.

SOCIAL BOX

Con il sostegno e il contributo dell’Assessorato al Welfare del Comune di Bari, saranno individuate giovani coppie provenienti da situazioni di disagio che saranno destinatarie di alcune “SOCIAL BOX” che comprendono un weekend e una cena per due persone. L’iniziativa nasce dalla consapevolezza che insieme alle attività istituzionalmente previste per il sostegno alle famiglie disagiate, sia importante ed efficace affiancare anche semplici momenti di svago. Ringraziamo per questo Mapotravel e Komodo.

#VEDOALQUADRATO #STOPALBULLISMO

Il progetto punta soprattutto ai genitori e agli insegnanti. L’obiettivo è quello di fornire gli strumenti per riconoscere figli “bulli” e figli “carnefici”. Senza giudizi o pregiudizi, solo cercando di capire insieme a un pool di esperti come affrontare uno dei problemi più diffusi tra i nostri ragazzi. Tutti i giorni si sente parlare di bulli, bulle e prepotenze ma troppo poco di come i genitori possano intercettare comportamenti anomali da parte dei propri figli.

NEWS

Facebook News

31 marzo,2021

Ringraziamo di cuore la nostra amica Alda Del Core RE/MAX per l’aiuto che da sempre dona alla federazione e le sue attività . ... See MoreSee Less

Ringraziamo di cuore la nostra amica Alda Del Core RE/MAX per l’aiuto che da sempre dona alla federazione e le sue attività .

Comment on Facebook

Grazie come al solito anche al contributo dei miei fantastici colleghi: Vanni Bordignon Sissy Ciulli Donatella Drago REMAX Stella Polare Cesare Castellana Gianni Faranda Alessio Martinelli Lillo Bux Re/Max Carmine Biscione. Rigorosamente ordinati per chi ha ordinato per primo!😘

Sono ancora disponibili delle uova?

21 marzo,2021

Io non so cosa siamo venuti a fare sulla terra. Ma in questi momenti capisco che, a prescindere da tutto, le cose che ci possono salvare sono solo 2: l’amore e la fede.
Se avete 3 minuti leggete bene queste parole di un cittadino barese (che ringrazio tento) che è stato per un po’ dall’altra parte.

IL COVID GRAVE, LA RIANIMAZIONE E IL SECONDO TEMPO DI VITA CHE MI È STATO DONATO.
Il 2 marzo arriva la febbre. Il 3 inizio terapia a casa. Il 9 mi aggravo ed un mio amico medico Francesco (iniziamo con i salvatori) mi viene a prendere di peso a casa di notte e superando mia ritrosia, mi fa ricoverare al Policlinico di Bari. Il 12 ho un tracollo delle condizioni respiratorie e riesco a scrivere alla mia famiglia questo sms (che sinceramente allora pensavo ultimo): “Allora poiché sembro paggiorato, mi stanno per fare una rx ai polmoni. All’esito decideranno se portarmi in terapia intensiva. Non abbiate in ogni caso nessun timore. Io ho vissuto una vita stupenda e meravigliosa. La vita mi ha dato tutto. Ognuno di voi 5 è un dono immenso che basta da solo a riempire di senso una vita intera. Sia fatta sempre e solo la volontà di Dio. Il segreto della vita lo conoscete ormai. Per vivere felici dovete imparare a voler bene davvero a tutti quelli che ci stanno accanto, dalla famiglia, amici, colleghi, panettieri, fruttivendoli, ecc. Non abbiate mai paura. Gesù ci ha mostrato la via per affrontare qualsiasi dolore, oltre che le gioie. Vi amo ovviamente. Appena mi fanno rx e so esito vi dico ovviamente. A dopo.” A questo punto, ormai senza più ossigeno mio interno, mi portano in rianimazione.Qui è iniziata l’esperienza unica di vivere 7 giorni di piena coscienza e lucidità, dove il corpo non esiste più, solo dolore, aghi, assenza di ossigeno interno, fili e macchinari attaccati dappertutto e l’anima da sola che deve reggere tutto, sapendo che puoi morire sempre. Si cambia, credo per sempre e credo in meglio. Ho visto i medici, gli infermieri e i sanitari della rianimazione: uomini e donne eccezionali che salvano ogni giorno vite e si buttano a capofitto su tutti. È una cazzata diffamatoria che “scelgono”. Ancora adesso li ricordo nel gesto tipico di star chinati sui pazienti di qualsiasi età, anche per ore, a fare quello che serve in quel momento, su pazienti incoscienti che non lo sapranno mai che in quelle ore sono stati salvati perché quel medico o infermiere ha fatto la cosa giusta al momento giusto. Li ho visti fare turni umanamente impossibili, ogni paziente lo salvano anche 10 volte al giorno. Tolgono liquidi, aspirano i grumi, mettono sondini, intubano, estubano, mettono caschi per ossigeno, regolano e aggiustano le macchine e ci monitorano ogni momento, ma proprio ogni momento. Sono (minimo) due infermieri su 4 pazienti, oltre ai medici. Solo che sono a pezzi. Non riesco a capire come possano resistere. Mi hanno sempre spiegato tutto. Solo io, solo in 7 giorni ho ricevuto oltre mille gesti di affetto (ma mille di numero vero, non a chiacchiere). Mi tagliavano a pezzettini il cibo per farmi deglutire senza strozzarmi. Mi coprivano, mi accarezzavano e basta quando sapevano che stavo proprio stremato. Mi facevano vedere la foto dei miei e dicevano “dai che ce la fai a tornare da loro”. Mi hanno fatto decine di esami ogni giorno. Mi hanno lavato ogni giorno. A me hanno salvato anche con la tecnica della pronazione e quando la mattina mi rigiravano qualche ora per darmi un po’ di “tregua”, perché ero al limite della sopportazione umana, il caposala mi portava il caffè, in quanto ero uno dei pochi pazienti svegli e coscienti. Ogni giorno li dentro muore qualcuno, ma vi dico che muore con dignità da uomo e donna, solo grazie a loro. Quando me ne sono andato, i presenti hanno fatto capannello e mi davano il 5 mentre ero sulla barella e ovviamente piangevo. Uomini e donne che fanno onore al genere umano. Si muovono continuamente in un silenzio spettrale dove senti solo il rumore dei loro passi instancabili e i bip dei macchinari. Per loro è un disastro anche solo andare in bagno, perché sono bardati al 100 e lì dentro tutto deve assere asettico. I nomi dei miei salvatori sono Antonio Civita, Sestilio De Letteris, Lidia Dalfino, Salvatore Grasso e tutti, ma proprio tutti, gli uomini e donne delle loro squadra eccezionale (mi scuso per non dire i nomi che però io ricordo insieme ai loro occhi). Immagino che se muori sul colpo non capisci cose che in 7 giorni capisci proprio perfettamente, limpidamente. Puoi fare solo due cose che ti danno serenità: 1) pregare a ripetizione e rivedere il film del Vangelo dalla nascita di Gesù fino alla Risurrezione e passando per la passione e croce (mai capita così bene, perché collimante all’1% con quello che facevo io); 2) farsi passare davanti i volti e i momenti passati con tutte le persone a cui tieni e che hanno riempito la tua vita. Non sai se potrai continuare a partecipare alle loro vite, ma intanto li pensi ancora un po’ e ti cresce dentro ancora più amore per loro. Adesso sono giusto un po’ a pezzi (solo fisicamente) non riesco a parlare per più di 5 minuti, e rimarrò ricoverato in reparto normale. Il peggio è però ampiamente alle spalle. Gesù e i sanitari tutti della rianimazione mi hanno regalato un “secondo tempo” della mia vita. Io posso solo cercare di usarlo bene e meglio del primo.
... See MoreSee Less

07 marzo,2021

Anche a Pasqua la Federazione c’è e non si ferma ! Siamo sempre vicini a chi ha bisogno di noi.
Anche quest’anno grazie al tuo aiuto realizzeremo i nostri 6 progetti.
Se vuoi le nostre uova, contattaci.
Un grande abbraccio.
... See MoreSee Less

Anche a Pasqua la Federazione c’è e non si ferma ! Siamo sempre vicini a chi ha bisogno di noi. 
Anche quest’anno grazie al tuo aiuto realizzeremo i nostri 6 progetti. 
Se vuoi le nostre uova, contattaci. 
Un grande abbraccio.

02 gennaio,2021

Questa mattina su Rai 3 è andata in onda un’intervista al presidente della Federazione, Lorenzo Moretti.
Si ringrazia tanto la giornalista Mariella Colonna per l’attenzione verso il nostro “mondo”.
... See MoreSee Less

16 dicembre,2020

Per tutti nella vita arriva un momento in cui ti succede qualcosa che non avresti mai immaginato. E quella cosa, a volte, può diventare un’arma, un mattone di una costruzione più grande, un pezzo di un puzzle che stiamo mettendo su.
Questa volta, quell’arma può essere donata a chi deve combattere la stessa battaglia. Non sappiamo con certezza se riuscirà ad essere decisiva, ma sarà un gesto di grande umanità e civiltà. Perché in questo momento ne abbiamo bisogno. Tutti.
La federazione non molla mai!
Grazie per quello che farete.
Buone Natale!
... See MoreSee Less

Per tutti nella vita arriva un momento in cui ti succede qualcosa che non avresti mai immaginato. E quella cosa, a volte, può diventare un’arma, un mattone di una costruzione più grande, un pezzo di un puzzle che stiamo mettendo su. 
Questa volta, quell’arma può essere donata a chi deve combattere la stessa battaglia. Non sappiamo con certezza se riuscirà ad essere decisiva, ma sarà un gesto di grande umanità e civiltà. Perché in questo momento ne abbiamo bisogno. Tutti.
La federazione non molla mai!
Grazie per quello che farete.
Buone Natale!

10 ottobre,2020

I nostri amici di aMichi di Michele Visaggi ... See MoreSee Less

MOSTRA ALTRO

Rassegna stampa

MOSTRA ALTRO

Video

CONTATTI

Info: Piazza G.Cesare 11, c/o Policlinico di Bari reparto ortopedia e traumatologia

Mail: federazione@lestradedisannicola.it

Web: lestradedisannicola.it

Compila il modulo... ti risponderemo subito!!

* Campi obbligatori
Clicca qui per leggere l'informativa della privacy

Contatti associazioni


Aipd - Associazione Italiana Persone Down: aipdbari@libero.it

aMichi di Michele Visaggi Onlus: info@amichivisaggi.it

Bari Young Onlus: info.bariyoung@gmail.com

Ciao Vinny Onlus: info@ciaovinny.it

Little Smile Onlus: info@littlesmile.it

A.P.S. Marcobaleno: info@marcobaleno.it

Fondazione NIKOLAOS: info@fondazionenikolaos.com

Ordine Forense di Bari Onlus: onlus@ordineforensebari.it

Rotary Club Bari Mediterraneo: rotarybarimediterraneo@gmail.com

Unicef: info@unicef.it

© Federazione Le Strade di San Nicola 2013 P.Iva 07818520723 – Design by Promostudio